Archivi tag: Mostre Bergamo

Le Mostre permanenti di Antonio Canova in Italia e nel mondo.

Antonio Canova (nato a  Possagno, il 1º novembre 1757 morto a Venezia, 13 ottobre 1822) è stato, tra la fine del ‘700 e la metà dell’800, il più bravo ed apprezzato scultore del suo tempo. La sua capacità nel ricavare figure dalla pietra ha indotto molti critici ad avvicinarlo alla perfezione degli scultori greci.

Fu il nonno ad avviarlo all’arte dello scalpellino anche sei il suo vero talent scout fu un senatore della Repubblica di Venezia, che gli commissionò, quando era poco più che adolescente, il primo vero lavoro: “Orfeo e Euridice”.

Nel 1793 Canova si trasferisce a Roma, dove aveva già lavorato e dove dà vita alle sue opere più importanti: dagli imponenti monumenti funerari alle figure mitologiche, particolarmente apprezzate dai regnanti dell’epoca.

Tra i più accaniti “fan” di Canova spiccavano i membri della famiglia Bonaparte, per i quali realizzò numerose sculture.

Gli “Amorini”, “Venere e Adone”, “Amore e Psiche che si abbracciano”, “Amore e Psiche stanti”, “Ebe”, il “Perseo trionfante” sono tra le realizzazioni più celebri.

Nel 1802 realizzò un busto di Napoleone e, successivamente, il monumento funebre di Maria Cristina, una colossale scultura nella Chiesa degli Agostiniani di Vienna.

Di Canova è anche l’ ”Italia piangente” che fa bella mostra di sé nel monumento funerario di Vittorio Alfieri, ospitato all’interno della Basilica di Santa Croce a Firenze.

In Italia, sculture di Canova possono essere ammirate a Milano (Accademia di Brera), Roma (Galleria Borghese, Galleria Nazionale d’arte moderna), Musei Vaticani, Firenze (Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Pitti), Venezia (Museo Correr, Museo Storico Navale, Palazzo Albrizzi), Padova, Genova, Napoli, Palermo e Forlì.

*Foto Copertina – Antonio Canova, Autoritratto, 1792, olio su tela, 68×55 cm. Firenze, Galleria degli Uffizi

Le Mostre permanenti di Andrea Mantegna in Italia e nel mondo.

Andrea Mantegna fu uno dei primi pittori italiani del ‘400 a valorizzare la prospettiva e a dare una forma definita alle figure dipinte. Nato nel padovano, crebbe alla scuola dello Squarcione e fu particolarmente attivo tra il Veneto e la Lombardia.

Le sue prime opere sono oggi visibili nella Chiesa degli Eremitani di Padova: suoi sono gli affreschi della Cappella Ovetari dedicati ai santi Giacomo e Cristoforo. Nello stesso periodo realizza il Polittico di San Luca, oggi esposto alla Pinacoteca di Brera insieme alle Lamentazioni sul Cristo morto.

La sua capacità artistica ed il risultato incredibilmente affascinante dei suoi affreschi lo fecero diventare nel volgere di pochi anni un punto di riferimento tanto da essere chiamato da numerose famiglie nobiliari per affrescare interni di palazzi e cappelle.

Mostre Mantegna a Mantova

A Mantova, città dove a lungo dimorò e dove morì fu pittore ufficiale di corte, nel Palazzo Ducale, ci sono due dei capolavori di Mantegna: la Camera degli sposi nel Castello di San Giorgio e il busto di Francesco Gonzaga.

Mostre Mantegna a Verona

A Verona, nella basilica di San Zeno Maggiore, Mantegna realizzò due trittici: la Crocifissione e Madonna e Santi mentre a Vicenza, sua è la Pietà della Basilica di Monte Berico.

Mostre Mantegna a Firenze

Tra il 1464 e il 1467, Mantegna soggiornò a Firenze, per conto della famiglia de’ Medici. Il prodotto di quel soggiorno è oggi visibile alla Galleria degli Uffizi, dove sono esposte tre sue opere.

Mostre Mantegna in Italia

In Italia, dipinti di Andrea Mantegna possono essere ammirati anche a Bergamo (Accademia Carrara), Correggio (Palazzo dei Principi), Ferrara (Palazzo dei Diamanti), Napoli (Museo di Capodimonte), Torino (Galleria Sabauda) e Venezia (Ca’ d’Oro e Galleria dell’Accademia).

Le mostre di Andrea Mantegna nel mondo

Molti dei capolavori di Mantegna, sorte comune a tanti altri artisti italiani, hanno finito per andare ad arricchire le gallerie ed i musei di mezzo mondo.

Mantegna è uno dei pittori italiani più ammirati a Francoforte, New York, Parigi, Vienna, Londra, Tours, Berlino, Madrid, Dublino, Copenaghen, Washington, Dresda e Los Angeles.

Le Mostre di Botticelli in Italia: da Firenze a Roma, da Napoli a Milano e Bergamo.

La sua Venere è da sempre considerata un inno alla bellezza e alla perfezione. Botticelli, pittore fiorentino vissuto nella metà del 1400, è uno di quegli artisti che il mondo intero invidia all’Italia.

Un autore universale, che ha lasciato ampie testimonianze del suo talento artistico. La quotazione dei suoi dipinti raggiunge cifre inimmaginabili: e pensare che Sandro Botticelli morì in solitudine e povertà!

Mostre di Botticelli a Firenze

Un viaggio a Firenze è sicuramente la base per poter ammirare le opere di Botticelli. Nella sua città natale sono esposte le maggior parte dei suoi capolavori, divisi tra la Galleria degli Uffizi, la Galleria dello Spedale degli Innocenti e Palazzo Pitti.

La Nascita di Venere è, senza dubbio, insieme a La Primavera, il dipinto più celebre di Botticelli.

La tempera su tela che rappresenta la dea che fuoriesce da una conchiglia, commissionato da Lorenzo di Pierfrancesco de’Medici, è uno dei quadri più ammirati nel celebre museo degli Uffizi di Firenze.

Mostre di Botticelli a Roma

Anche a Roma è possibile ammirare lo stile e la personalità del Botticelli.

In particolare, nella Cappella Sistina, i suoi affreschi (Ritratti di papi, Prove di Mosè, Punizione dei ribelli e Prove di Cristo) furono voluti dal papa Sisto IV che lo chiamò in Vaticano insieme al Perugino, al Ghirlandaio e a Cosimo Rosselli.

Nella capitale sono esposti anche la Trasfigurazione con i santi Gerolamo e Agostino alla Galleria Pallavicini e la Madonna con Bambino, san Giovannino e angeli alla Galleria Borghese.

Mostre di Botticelli a Napoli

Napoli, il Museo di Capodimonte, ospita il bellissimo “Madonna con il Bambino e due angeli”.

Mostre di Botticelli in Lombardia

In Lombardia, infine, è possibile ammirare la Storia di Viriginia e il Ritratto di Giuliano de’ Medici  all’Accademia Carrara di Bergamo, il “Compianto su Cristo morto” al Museo Poldi Pezzoli di Milano e la Madonna del Padiglione alla Pinacoteca ambrosiana di Milano.

Le opere di Botticelli nel mondo

Le sue opere sono attualmente esposte nei più importanti musei, dalla National Gallery di Londra al Staatliche Museen di Berlino, dalla National Gallery of Art di Washington al Museo del Prado di Madrid e al Louvre di Parigi.

Leggi anche