Archivi tag: Servizi INPS

Cessione del quinto per pensionati e convenzione INPS: cosa c’è da sapere.

Un modo facile e sicuro per accedere al credito anche se si è in pensione è quello di richiedere la cessione del quinto. Ecco come funziona e quali sono gli istituti convenzionati con l’INPS.                  

A differenza di quanto si crede non sempre c’è bisogno di avere uno stipendio per accedere alle linee di credito. Anche i pensionati, infatti, tramite la cessione del quinto possono ottenere un prestito personale, non vincolato all’acquisto di beni o servizi. Nel caso, quindi, si abbia una qualsiasi necessità di liquidità, è possibile fare richiesta per la cessione del quinto pensionati. Vediamo come e quali sono i requisiti richiesti.

Requisiti per chiedere la cessione del quinto a tasso agevolato

Tutto ciò che gli istituti di credito in genere richiedono sono una pensione minima INPS o ex INPDAP. Grazie a particolari convenzioni sottoscritte con l’INPS è possibile ripagare il prestito tramite una comoda trattenuta sul cedolino della pensione e accedere all’offerta con un tasso fisso e vantaggioso. Alcuni istituti convenzionati, come prestito24.it, offrono consulenza gratuita sia in fase di istruttoria sia dopo aver ottenuto il prestito in modo da avere sempre chiare le condizioni e per risolvere ogni tipo di dubbio.

Tra gli indubbi vantaggi della cessione del quinto dei pensionati è possibile menzionare la compatibilità con eventuali pignoramenti, protesti, ritardo nei pagamenti o iscrizione nella lista dei cattivi pagatori. Essendo pensionati, poi, non ci sarà neanche bisogno di sottoscrivere una polizza sul rischio di perdere il lavoro: sarà solo necessario attivare una polizza sul Rischio Vita, che possa tutelare gli eredi dal ripagare il debito residuo. Sarà comunque sempre tutto incluso nella rata finale che, ovviamente, non potrà superare il quinto della pensione, come riportato sul cedolino.

Gli unici requisiti richiesti, quindi, sono una pensione (anche minima) INPS o ex INPDAP e un’età inferiore agli 88 anni al termine del finanziamento. Resta comunque possibile sottoscrivere un contratto che vada da un minimo di 24 mesi a un massimo di 120.

Sicurezza del contratto

A tutela del pensionato, l’INPS ha posto alcuni requisiti ai contratti di cessione del quinto. È importante citare, ad esempio, la salvaguardia, in qualsiasi caso, della pensione minima stabilita per legge. L’INPS richiede, inoltre, che il tasso d’interesse non possa superare quello stabilito per legge in base all’età e che nel contratto devono essere obbligatoriamente inserite in maniera chiara tutte le spese che si potrebbero affrontare. Si tratta quindi di un metodo per ottenere in tempi brevi un prestito non vincolato che offre tutte le garanzie ai pensionati INPS ed ex INPDAP.