fbpx
Teatro Gesualdo di Avellino
Presentato il cartellone teatrale del Gesualdo di Avellino
Spettacoli

Teatro Gesualdo, Cipriano presenta il cartellone ed allontana corvi e cornacchie.

La grande lirica,l’Aida di Giuseppe Verdi per la regia di Franco Dragone, firmata dal San Carlo darà il via alla stagione 2016/2017 del Teatro Gesualdo di Avellino.

Diciamo la verità,  i continui attacchi politici ed una serie di cavilli burocratici stavano facendo precipitare la governance del Teatro Gesualdo di Avellino in una spirale negativa senza ritorno.

La presentazione del Cartellone della nuova stagione 2016/2017 ha allontanato, in un colpo solo, corvi e cornacchie. Almeno Per il momento.

Dopo mesi in cui la scena è stata rubata da atti di accusa, sospetti e denunce che hanno finito per far sprofondare in un ruolo di secondo piano la mission culturale del teatro Gesualdo di Avellino, finalmente una buona notizia: a Piazza Castello si torna a parlare di teatro.

Il Consiglio di Amministrazione del Teatro Gesualdo, guidato da Luca Cipriano, insieme ai maestri Salvatore Gebbia e Carmine Santaniello, ha infatti approvato la proposta di stagione teatrale per il prossimo anno, garantendo una ricchissima offerta artistica e di spettacoli costruita con la collaborazione del partner “Teatro Pubblico Campano” diretto da Alfredo Balsamo, selezionato all’esito di una manifestazione di interesse nazionale attivata a partire dal mese di aprile di quest’anno.

Il Cartellone del Teatro Carlo Gesualdo di Avellino

Il sipario, se non ci saranno sorprese, si aprirà il 7 ottobre 2016 con la grande lirica firmata San Carlo. In scena un titolo di assoluto rilievo, l’Aida di Giuseppe Verdi per la regia di Franco Dragone con allestimento, orchestra, coro e corpo di ballo del San Carlo.

Un omaggio alla grande tradizione del San Carlo, il più antico teatro lirico d’Europa, che rinnova così per il quarto anno di seguito il sodalizio voluto dalla sovraintendente Rosanna Purchia e dal presidente Luca Cipriano tra i due teatri campani.

Ma anche un tributo a Franco Dragone, irpino di Cairano, sempre attento allo sviluppo culturale e artistico del suo territorio di origine.

La rassegna “Grande Teatro” mette in scena quest’anno 10 spettacoli.

Al Teatro Gesualdo di Avellino arriveranno Serena Autieri e Paolo Conticini con la trasposizione teatrale del celebre film “Vacanze romane”, l’Orchestra di Piazza Vittorio con la originalissima “Carmen” di Bizet, Giulio Scarpati e Valeria Solarino in un omaggio ad Ettore Scola con “Una giornata particolare”, Massimo Ranieri con “Caffè del Porto” di Raffaele Viviani per la regia di Maurizio Scaparro, gli svizzeri Mummenschanz e il loro repertorio di mimo e teatro danza che da oltre 30 anni ha conquistato il mondo.

E poi ancora il debutto in prima nazionale di Raoul Bova e Chiara Francini in “Due” un testo di Luca Miniero, Glauco Mauri in “Edipo il mito” di Sofocle, Laura Morante in “La locandiera b&b” liberamente tratto dal testo di Goldoni per la regia di Roberto Andò, il musical “Jesus Christ Superstar” di Andrew Lloyd Webber con orchestra dal vivo e la star internazionale Ted Neeley, attore, cantante, batterista e compositore statunitense.

Al Teatro Gesualdo, Risate e divertimento con il cartellone“RED”.

Il programma dedicato alla comicità partenopea e non solo. Anche in questo programma in arrivo 8 spettacoli con una ricca carrellata di star.

Si inizia con Vincenzo Salemme ed il suo ultimo spettacolo “Una festa esagerata”.

Replica per Massimo Ranieri e il suo “Caffè del porto” di Raffaele Viviani. Luigi De Filippo si cimenta con un grande classico del teatro eduardiano, “Natale in casa Cupiello”. Regina del Festival di SanRemo e della comicità in rosa, ecco i mille volti di Virginia Raffaele per la regia di Gianpiero Solari.

Rocco Papaleo e Giovanni Esposito cavalcheranno la “Buena Onda” mentre un’altra coppia di comici navigati, Lillo e Greg, metterà in scena il meglio della loro produzione teatrale. Carlo Buccirosso sarà protagonista del suo ultimo lavoro “Il pomo della discordia” mentre Biagio Izzo porta in scena “Bello di papà” per la regia di Vincenzo Salemme.

Raffinato il cartellone di “Teatro Civile”.

3 appuntamenti dedicati al teatro di parola con altrettanti maestri del palcoscenico.

Al Teatro Gesualdo, si inizia con Marco Paolini – “Numero Primo” – per proseguire con Ottavia Piccolo – “Enigma” – e chiudere con Ascanio Celestini – “Laika”.

Infine la danza, con il progetto “Gesualdo Danza” che vedrà la ballerina più prestigiosa d’Italia, la signora della danza Carla Fracci protagonista di “Sheherazade e le mille e una notte”, mentre la No Gravity Dance Company di Emiliano Pellisari Studio porterà ad Avellino “Comix”, gioia, divertimento, gesti atletici e danza a suon di jazz.

A chiudere la XV stagione teatrale una novità: ad Aprile 2017, per la prima volta, anche i 200 giovani e giovanissimi allievi del Coro di voci bianche, Coro giovanile e Orchestra giovanile saliranno sul palco del Teatro nell’ambito del cartellone “Grande Teatro” per salutare il pubblico irpino con un concerto dedicato alla Primavera.

Spot

Spot

Spot