reggia di caserta
La Reggia di Caserta
Arte e Cultura Prima Pagina

Terrae Motus: il terremoto 1980 raccontato alla Reggia di Caserta

Dopo essere andata nel dimenticatoio per alcuni anni,riapre al pubblico la mostra Terrae Motus: il terremoto 1980 raccontato alla Reggia di Caserta.

Dal 1° giugno 2016 il terribile terremoto che devastò l’Irpinia nel 1980 raccontato attraverso un’intensa mostra alla Reggia di Caserta: 72 opere che racchiudono il drammatico evento e importanti artisti coinvolti. 

E’ opera del gallerista napoletano Lucio Amelio, il quale per lungo tempo si era adoperato nel coinvolgere illustri nomi dell’arte per descrivere e riportare, sotto forma di arte, la testimonianza della propria reazione personale al terribile evento naturale del 1980 che scatenò l’inferno in terra irpina.

Da allora la raccolta si è riempita di tante testimonianze, le quali compongono oggi una bella mostra visitabile nella maestosa cornice della Reggia di Caserta.

Fulcro della collezione le due opere di Andy Warhol e di Joseph Beuys, i primi artisti a rispondere alla chiamata del gallerista napoletano che proprio pochi mesi prima del terremoto li aveva fatti incontrare sotto il Vesuvio.

L’opera di Warhol riprende in serigrafia la prima pagina del “Mattino” di Napoli intitolata “Fate presto”, mentre l’installazione di Beuys “Terremoto in Palazzo” propone mobili e oggetti recuperati sui luoghi colpiti dal sisma.

Tra le altre opere è possibile trovare quelle di Miquel Barcelò, Keith Haring, Mimmo Palladino, Ernesto Tatafiore e Sergio Fermariello.

Terrae Motus”, tramite la cessione al MiBACT da parte dell’Aeronautica e della Scuola di Amministrazione di notevoli spazi al piano nobile del complesso vanvitelliano, viene esposta per buona parte nella grande sala che, dietro la Cappella Palatina, segue gli appartamenti storici aperti al pubblico.

Essa si configura dunque come loro proseguimento nei nuovi spazi della Reggia disponibili per l’arte e la cultura che in futuro saranno destinati, oltre che a Terrae Motus, a mostre temporanee, laboratori d’arte e al nuovo centro congressi della Reggia.

L’allestimento è provvisorio e permette di vedere tutte le opere senza attendere che sia completato il percorso che richiederà almeno due anni.

Ma non solo: la riconsegna immediata alla comunità della collezione fa sì che l’allestimento permanente e l’ordinamento finale delle opere venga elaborato nel vivo di un confronto critico aperto, trasparente e allargato, capace di coinvolgere anche il grande pubblico.

Quando aprirà il cantiere per realizzare la presentazione finale di Terrae Motus negli spazi restaurati, per un anno la collezione potrà essere esposta in alcune capitali in giro per il mondo, contribuendo all’arricchimento della cultura figurativa internazionale e alla fama della Campania e dell’Italia oltre confine.

All’esposizione permanente si può accedere utilizzando il biglietto della Reggia, senza alcuna maggiorazione, ed è aperta tutti i giorni, a eccezione del martedì, dalle 09.30 alle 17.30.


Spot

Spot

Spot