Attualità

Tra Musica e Gusto “Aperitivo al Teatro Gesualdo di Avellino”.

Domenica 22 dicembre il Foyer del Teatro “Carlo Guesualdo” di Avellino si trasforma in un elegante mix di gusto e musica, un incontro tra sapori ricercati e innovative performance vocali, per offrire alla città un indimenticabile “Aperitivo al Teatro” dopo lo spettacolo “La Locandiera” portato in scena da Nancy Brilli alle 18.30.

A partire dalle ore 20.30, infatti, le prelibatezze gastronomiche di Dulcis in Furno Dolci e Salati, annaffiate dai vini e dagli spumanti della cantina irpina dei Feudi di San Gregorio, incontrano la musica e le voci de gli Alea, all’insegna di una serata prenatalizia da trascorrere tutti insieme nel luogo simbolo della cultura e dell’arte cittadine.

L’evento, a ingresso gratuito ma solo su invito cartaceo o su inserimento in lista tramite Facebook, è curato da Lino Sorrentini Pubbliche Relazioni (informazioni e PR telefonando al numero 347 6246171) e offre l’opportunità di assistere alla live perfomance de Gli Alea, di cui ci parla la direttrice Lucia Gaeta.

<<L’Aperitivo al Teatro rappresenta una magnifica iniziativa per la città e una bella occasione per noi di esibirci non tanto davanti al pubblico, ma tra il pubblico. Il Foyer del Teatro Gesualdo, infatti, è un luogo intimo e raccolto, ideale per stare a contatto diretto con tutti gli intervenuti, tra musica e buon cibo>>.

Gli Alea, un gruppo giovane e molto innovativo nel suo genere, ci racconti perché.

<<A partire dalla scelta del nome, – continua la Gaeta – che nasce dal principio compositivo “alea”, sinonimo di libertà, è facile capire come la musica non debba necessariamente essere vincolata a legami immutabili ed eterni. Gli Alea infatti racchiudono un insieme di capacità diverse, un gruppo di otto componenti, più me che li dirigo, che è espressione altissima di ciò che la diversità può generare. Il gruppo nasce infatti da un coro di solisti con inclinazioni differenti, dal pop al lirico, dal gospel al rock, uniti per fondersi alla perfezione>>.

Gli Alea, che durante la serata di domenica si esibiranno in un repertorio di musica internazionale che va dagli anni Settanta ai primi Novanta, nascono all’interno dell’Associazione Culturale “Ateneo Alea” <<creata dal desiderio mio e di una mia primissima allieva, Carmen Di Maio, di rendere la nostra passione per la musica diffusa e comunicabile agli altri. – conclude Lucia Gaeta –. Siamo giunti al secondo anno effettivo dell’associazione, nonostante fossimo già attivi con la nostra passione in precedenza e, proprio perché è la pura passione per la musica a dirigerci, non diamo e non ci diamo limiti: dal coro delle voci bianche, a corsi per teenager fino ai corsi di canto per adulti con maestri esperti. Dai bambini più piccoli fino alle persone adulte, il canto riunisce tutti in un’anima sola>>.


Aggiungi un commento

Clicca qui per un commento

Spot

Spot

Spot