Home » Cucina e Gastronomia » Tradizione e qualità: ecco i panini del “Gatta ci cova” risto-pub a Manocalzati.
"Partenio" uno dei Panini del Gatta Ci Cova
"Partenio" uno dei Panini del Gatta Ci Cova
Cucina e Gastronomia

Tradizione e qualità: ecco i panini del “Gatta ci cova” risto-pub a Manocalzati.

Tra le innumerevoli serate gastronomiche natalizie perché non concedersi un’uscita con gli amici per addentare un gustoso panino? Ecco le diverse varietà proposte dal “Gatta ci cova” a Manocalzati (Avellino).
Il Terminio
Il Terminio

La migliore tradizione culinaria irpina si può trovare anche in un panino. Chi l’ha detto infatti che i gusti più tipici del nostro territorio non possano essere esaltati in quello che comunemente viene ritenuto un piatto da “fastfood”, non impegnativo e dal facile consumo?

I panini del “Gatta ci cova” vogliono rappresentare questo, la sintesi perfetta tra la semplicità del prodotto e la complessità della sua essenza, del suo gustoso e prelibato ripieno.

Il pub griffato “Irpinia”, infatti, si è fatto conoscere e apprezzare per la passione per la buona tavola e per l’amore per la terra d’origine dei suoi titolari, che hanno messo al centro le tipicità che qui vi si trovano.

Il Principato
Il Principato

Tra le tante prelibatezze proposte, appunto, anche un ricco menù di panini, amati da giovani e meno giovani proprio per la storia che vogliono raccontare.

Ognuno a suo modo. Partendo proprio dai loro nomi.

Sfogliando il menù è facile costatare quanto ogni prodotto esalti la propria provenienza di sapori. Sono dodici ed è interessante elencarne nomenclature e caratteristiche.

C’è Principato, la cui peculiarità è la mozzarella di bufala del Caseificio Principato.

Il numero 2 è Al confine, che sposa alla perfezione mare e monti: tonno di Cetara e mozzarella di bufala.

Si prosegue con Dragone, al sapore più diffuso al mondo di wurstel e patatine fritte.

Emigrante, poi, ha come ingrediente principe un saporito hamburger irpino fatto con puro vitello podolico, mentre il Doppio emigrante non è un panciuto uomo che parte per lidi lontani ma un più corposo hamburger e pancetta tutto prettamente “made in Irpinia”.

Il numero 6 e il numero 7 richiamano i monti: c’è Terminio, con immancabile salsiccia irpina, scamorza arrostita, funghi porcini e tabasco, e Partenio che alla salsiccia abbina broccoli con aglio e peperoncino.

Un viaggio poi a Laceno, con il panino caratterizzato dal canestrato bagnolese e crema tartufata, specialità del posto.

Doppio emigrante
Doppio emigrante

Valle del Sabato propone invece il più irpino dei gusti di mare: baccalà con la verza, mentre con Avellino troviamo la cotoletta di pollo e le patatine fritte.

Per finire c’è Isca, il cui ripieno molto corposo prevede anche la patata lessa e i funghi porcini.

Al Confine
Al Confine

E questo è solo un assaggio dei diversi ripieni dei tanto amati “panini del Gatta ci cova”, in quanto lasciamo al palato la sorpresa di scoprire i restanti.

Un buon panino consumato in compagnia non può che prevedere anche l’accompagnamento di un ottimo vino locale oppure di una ricercata birra artigianale che trovano spazio tra gli scaffali del ristorante irpino pronti per essere degustati.

Il Gatta ci cova si trova in Via Torre, 30 a Manocalzati (Avellino).

Prenotazione tavoli allo 0825 168 6854. Pagina facebook 


Condividi sui social: