fbpx
TRES CHICca: la band irpina che ama il Cool-Funky.
Francesca Nigro - Voce Alessandro Cataldo - Keytar Piero Manca - Chitarra Flavio Sibilia - Batteria/Percussioni
Spettacoli

TRES CHICca: la band irpina che ama il Cool-Funky.

Si chiama TRES CHICca, la band irpina che, nonostante sia nata solo un anno fa, sta già riscuotendo grandi consensi per il suo stile unico e molto riconoscibile.

TRES CHICca: Tanta passione e amore per la musica ma anche professionalità e voglia di divertire e far ballare il proprio pubblico con un sound elegante e originale.

All’interno della formazione ci sono la giovane Francesca Nigro, voce, Alessandro Cataldo, keytar, Flavio Sibilia, batteria e Piero Manca che, oltre a essere il chitarrista, cerca anche di portare avanti questa bella famiglia con il suo studio nel quale la band si autoproduce.

E’ proprio a lui che, raggiunto telefonicamente, facciamo qualche domanda per conoscere meglio questa interessante e innovativa realtà musicale irpina.

Come nasce la vostra band?

<<Nasciamo un anno fa quasi per divertimento, inizialmente dall’amicizia tra me e Alessandro Cataldo. Poi abbiamo conosciuto per caso Francesca, sentendola cantare nel coro in una chiesa e abbiamo subito pensato che avesse una bella voce e proposto di cantare con noi. La nostra prima impressione si è poi concretizzata con una prova microfono in studio molto positiva. E da lì, insieme anche a Flavio, abbiamo iniziato a montare il nostro repertorio tra sala prove ed esibizioni live successive>>.

Il vostro nome “TRES CHICca” è senza dubbio molto originale. La domanda è d’obbligo: da cosa scaturisce l’idea di chiamarvi così?

<<La storia è simpatica. Il nome “TRES CHICca” è nato in maniera ironica. Quello che suonavamo ci sembrava il tipico repertorio musicale trasmesso da Radio Montecarlo, un repertorio cosiddetto “Très Chic”. Ovvero i brani che avevamo scelto fin dall’inizio erano accomunati da fatto di appartenere ad artisti molto conosciuti e noi li arrangiavamo in una chiave tutta da ballare, fresca ma allo stesso tempo molto elegante, molto “chic” appunto. Poi anche il fatto che siamo tre uomini e una donna. E poi che la cantante si chiama Francesca. Insomma, il gioco di parole è fatto: l’assonanza di tre e très, come pure di chic (elegante) e Chicca (diminutivo di Francesca). Il suono “très chic(ca)” è sembrato perfetto per noi>>.

Parliamo un po’ del genere che suonate e delle ispirazioni musicali.

<<Nasciamo come quartetto acustico, ma poi c’è stata una naturale evoluzione verso l’elettronica. Il nostro genere è il “Cool-Funky” (da Prince a Lenny Kravitz a Jamiroquai per intenderci). Ma ci piacciono anche gruppi come gli “Incognito” che fanno un genere molto simile al nostro. Produciamo cover molto conosciute, che riarrangiamo però in chiave “Cool-Funky”>>.

Quali sono i vostri progetti in cantiere?

<<Nel corso di quest’anno abbiamo sviluppato la nostra identità e ora siamo pronti a far uscire, per fine mese, la nostra demo contenente cinque brani che rendono ben chiari il nostro genere e il nostro stile musicale e canoro. Ci saranno “A Hard Day’s Night” det Beatles, “Pump up the Jam” dei Technotronic, “Sing It Back” dei Moloko e “Groove is in the Heart” dei Deee-Lite ad accompagnare il quinto brano che avevamo già caricato, ovvero il noto “Ain’t no Sunshine”. Sarà possibile ascoltare la nostra demo su Sound Cloud alla nostra pagina TresChicca Band. Inoltre in questi ultimi mesi abbiamo trovato un bravo sassofonista, Carmine Marra, che ha già suonato in due dei brani che compongono la demo. E che a partire da giugno sarà con noi. Inoltre, è nostra intenzione iniziare a lavorare intorno al video di uno dei quattro nuovi brani della demo>>.

Aspettative per il futuro?

<<Puntiamo ad andare oltre il territorio campano. Siamo nati da un anno, siamo “giovani”, con una demo in uscita e solo da settembre abbiamo incrementato le nostre serate nell’avellinese. Ma la nostra intenzione è quella di puntare al di fuori dei confini regionali. Entrare nelle dinamiche dei grandi locali andando oltre i pub. Si aggiunge a ciò il desiderio di fare qualche brano inedito, certamente tra gli obiettivi di noi tutti. Lavoriamo al raggiungimento di questi obiettivi e per il momento puntiamo a fare bene la nostra musica e a crescere sempre di più>>.

Spot

Spot

Spot