Home » Archivio » TTozoi in mostra al Walter Bischoff Galerie di Berlino
In mostra a Berlino l'arte di TTozoi
Archivio Senza categoria

TTozoi in mostra al Walter Bischoff Galerie di Berlino

In mostra a Berlino l’arte di TTozoi

Venerdì 13 Gennaio 2012, alle ore 19.00 inaugura presso la Walter Bischoff Galerie / Immaginaria Arti Visive Gallery la prima mostra personale a Berlino dei TTozoi ,un duo artistico formato dai due giovani artisti di Avellino Stefano Forgione (1969) e Pino Rossi (1972).

La mostra, che resterà visitabile fino al 20 febbraio 2012, è curata da Carolina Lio ed accompagnata da un catalogo con testi del curatore e di Luca Beatrice.

[wp_bannerize group=”news_2″] In galleria saranno presenti circa venti opere recenti, tutte realizzate con la particolarissima tecnica delle “muffe su tela” che è la caratteristica contraddistintiva dei TTozoi e il fulcro della loro ricerca estetica e teorica.

Come scrive il curatore nel catalogo della mostra, i TTozoi “sono riusciti a coniugare la tradizione artistica europea, il bisogno dell’opera d’arte come oggetto da ammirare e il recente interesse dell’arte internazionale verso l’introduzione del materiale organico”. Portando avanti le atmosfere informali dei più grandi maestri italiani del Novecento, riescono infatti a sviluppare delle opere completamente idonee al clima culturale contemporaneo e alle ricerche più sperimentali dell’arte di oggi. Limitando il loro intervento al minimo e lasciando che siano le muffe a estendersi sulla tela formando l’opera, il loro lavoro diventa quasi “della land-art su tela che agisce in maniera casuale. Le loro opere sono coltivazioni di muffe, e quindi di esseri viventi che si moltiplicano nello spazio riproducendosi grazie alle loro spore e dominando il quadro che hanno di fatto creato in mondo inconsapevole. E’ in questa attesa e fiducia nel processo vitale, in questo credere incrollabile nell’ordine e nell’estetica delle strutture organiche, che sta il vero senso della loro operazione”.

Dall’arte povera alla già citata land-art, dal già storicizzato informale alle nuove frontiere dell’Ephimeral-Art e della Bio-Art, lasciando venire in mente paralleli con il lavoro di Marc Quinn e di Damien Hirst sul binomio vita-morte nell’arte contemporanea, ma ricordando anche la fiducia di Pollock nel fatto che il quadro viva di vita propria, “i TTozoi creano opere d’arte fondate sulla filosofia dell’attesa e sul senso di fiducia che tutto si metterà a posto da sé perché questa è la tendenza e la perfezione dell’universo“.

TTozoi ha debuttato nel 2010 con una mostra personale presso il prestigioso Complesso Monumentale di Castel dell’Ovo a Napoli, a cura di Luca Beatrice, già curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2009.

Sono seguite numerose altre mostre personali tra cui quelle allestite presso il Palazzo della Prefettura di Avellino (2010); Franco Senesi Fine Art Gallery di Positano (2010); Museo Salvatore Emblema di Terzigno, Napoli (2010); Raffaella De Chirico Galleria d’Arte di Torino (2011); Yvonne Arte Contemporanea a Vicenza (2011). Dopo la personale alla Walter Bischoff Galerie di Berlino è già in programma una mostra personale alla L.A. Artcore di Los Angeles, una bi-personale alla Galleria Libra di Catania e la partecipazione alla fiera Art Karlsruhe.

L’arte di TTozoi è presente in numerose collezioni pubbliche e private sia italiane che estere.

 


Condividi sui social: