Home » Viaggi e Turismo » Vacanze di Natale in Puglia: relax tra borghi suggestivi
La Cattedrale di Trani in Puglia
La Cattedrale di Trani in Puglia
Viaggi e Turismo

Vacanze di Natale in Puglia: relax tra borghi suggestivi

Vacanze di Natale al mare? Voglia di vivere il fascino delle tradizioni e dei sapori mediterranei ? Ecco la Puglia con le sue ampie spiagge, il mare cristallino, i borghi suggestivi e un paesaggio rigoglioso. La zona settentrionale è quella maggiormente caratterizzata da una fitta vegetazione ed è immersa nel verde del Gargano, sviluppato intorno alla provincia di Foggia.

Si passa poi alle distese di uliveti nella zona di Bari, tra cui trovano spazio le caratteristiche e antiche abitazioni dette trulli, per poi scendere attraverso l’altopiano delle Murge fino al tacco dell’Italia, il Salento, con le spiagge di sabbia fina e il mare trasparente.

Molto conosciuto e frequentato lo Zoosafari di Fasano, per circuiti safari a bordo della propria vettura alla scoperta degli animali. La Puglia intera è una miniera di ricchezze non solo naturalistiche ma anche dal punto di vista storico, architettonico e culinario.

Puglia: spiagge, mare e sole

Scelta da famiglie per soggiorni all’insegna della tranquillità o single all’avventura, coppie in viaggio romantico o giovani ragazzi alla ricerca di divertimento, la regione offre tantissime soluzioni diverse per quello che rappresenta sempre la sua forza maggiore: il turismo balneare. Partendo da nord, dal Gargano, terra di singolare bellezza che comprende i panorami marini di Vieste e Mattinata, passando per le insenature di Pugnochiuso e Baia delle Zagare, fino ad arrivare a Peschici e Rodi Garganico.

Da qui è possibile imbarcarsi alla volta delle Isole Tremiti, arcipelago che si compone delle isole di San Domino, San Nicola e Crepaia, da sempre acclamato per la qualità delle sue acque da balneazione. Belle anche le località marine della provincia di Bari, tra cui spiccano Barletta, Trani e la turistica Polignano a Mare, città natale di Domenico Modugno.

Scendendo verso Sud, attraversando le spiagge di San Foca e Torre dell’Orso, troviamo diverse rinomate località turistiche: l’orientale Otranto con le sue scogliere e il mare blu, Santa Maria di Leuca, estrema punta della regione, le pittoresche Castro Marina e Santa Cesarea Terme e infine la mondana Gallipoli, capitale del divertimento.

Le mete artistiche e culturali della Puglia

Tra i numerosi possibili tour della Puglia, eccone alcuni che possono destare molto interesse in coloro che hanno intenzione di conoscere la regione. La Valle dell’Itria, compresa tra le provincie di Bari, Brindisi e Taranto, regala uno spettacolo unico al mondo. Caratterizzata dalla presenza dei trulli, comprende diverse località di epoca medievale, interessanti esemplari di architettura rurale, il tutto incastonato nella splendida cornice naturalistica degli uliveti e dei vigneti.

Tra le città di interesse, Alberobello che, con il suo agglomerato urbano di circa 1500 trulli, è Patrimonio Mondiale riconosciuto dall’Unesco, Locorotondo e Cisternino, piccoli borghi menzionati tra i più caratteristici d’Italia e Ostuni, la “città bianca”, con la con Concattedrale gotica e le chiese barocche e medievali.

Assolutamente da ricordare la barocca Lecce, che rappresenta magnificamente la contaminazione di stili: ancora presenti le tracce di insediamenti messapici, greci, spagnoli, romani e bizantini, sui quali predomina incontrastato lo stile barocco di cui è capitale per eccellenza. Tra i monumenti più importanti ricordiamo la Cattedrale di Santa Croce, l’Anfiteatro Romano e il Duomo. Tipiche della zone sono le Masserie salentine, per un turista più curioso e attento alla tradizione.

A tavola con i sapori del territorio

La cucina pugliese, si sa, è conosciuta e ampiamente apprezzata. Sarà per la conformazione del territorio e per la sua ricchezza, la regione è ricca di ottimi piatti. Oltre alle classiche orecchiette con cime di rapa, troviamo il canestrato dop di Foggia, la burrata di Andria, la soppressata di Martina Franca, la salsiccia leccese, le zuppe di pesce o il pescato fresco alla brace.

Immensa la produzione di olio e di vini. Tra questi ricordiamo in particolare il Primitivo di Manduria e quelli di San Severo, Matino, Nardò e Salice Talentino.


Condividi sui social:

Spot

Spot

Spot