Valentina Pirone
Quando non puoi danzare tu, fai danzare la tua anima. (Delbrel)
Fitness & Lifestyle

Valentina Pirone e la sua “Danza e Movimento”, un successo lungo 20 anni.

Con passione e impegno Valentina Pirone è divenuta un chiaro punto di riferimento ad Avellino nell’ambito della danza e della formazione: ecco come nasce una ballerina e come si raggiungono importanti traguardi.

Con la sua scuola “Danza e Movimento” da oltre vent’anni accoglie e forma piccoli e grandi allievi appassionati di danza.

Recentemente si è tenuto il saggio di fine anno che ha, come ogni anno, ottenuto ampi consensi rappresentando un appuntamento fisso del maggio irpino.

In una provincia naturalmente vocata all’arte della danza, la Maestra Valentina Pirone porta avanti un percorso didattico e formativo che appassiona sempre più bambini, avvicinando a questa disciplina un pubblico sempre più ampio.

Ma come nasce una ballerina?

<<Nel mio caso, come nella maggior parte, è stata mia madre a iscrivermi al primo corso di danza all’età di 4 anni – ci spiega la Pirone – e da allora non ho più voluto smettere quella che ho scoperto essere una mia passione innata>>.

Come è proseguito il suo percorso?

<<Fino a 16 anni ho frequentato la scuola di danza ad Avellino, dalla Maestra Valeria Lombardi, pioniera in città per quanto riguarda questa disciplina e verso la quale nutro grande ammirazione. Poi ho deciso di spostarmi e seguire il mio sogno a Firenze, dove ho frequentato lo Studio Internazionale di Danza con i maestri Maria Rosa Villoresi ed Egon Madsen. Ho deciso di perfezionarmi anche fuori e ho fatto tante e diverse esperienze tra cui quella in una compagnia presso il Teatro Comunale di Bologna. Ho avuto le mie soddisfazioni da ballerina professionista, ma anche a livello accademico laureandomi con 110 e lode presentando una tesi sulla danza. Oggi sono maestra di scuola primaria e, poco più di vent’anni fa, ho aperto una mia scuola di danza>>.

La ben nota “Danza e Movimento”, appunto. Parliamo della nuova sede, una struttura ampia e nuovissima.

Danza e Movimento
Il Saggio finale

<<Da due anni siamo nella nuova struttura che mi auguro possa divenire un vero e proprio polo per la danza, in cui possano circolare volti noti dell’ambiente garantendo come sempre la massima professionalità didattica. Già ci sono venuti a trovare come ospiti alcuni personaggi conosciuti al grande pubblico come Kledi Kadiu e Antonina Randazzo. Ma la mia vuole comunque restare una scuola fortemente legata al territorio, all’ambito provinciale, per la valorizzazione delle nostre potenzialità>>.

Allieve Danza e Movimento
Allieve Danza e Movimento

Quali sono gli obiettivi che la ispirano?

<<L’intento forte è di non fare della danza una forma di discriminazione. E’ vero che un certo fisico aiuta, ma assolutamente non ci devono essere selezioni nell’approcciarsi alla danza. L’obiettivo è dunque l’ “inclusività”, ovvero uno spazio anche per bambini “difficili” dal punto di vista della coordinazione ad esempio>>.

Quali corsi proponete?

<<La scuola offre corsi che partono dalla propedeutica, ovvero la danza vista soprattutto sottoforma di gioco a partire dai 4 anni, mentre poi dai 9 inizia il percorso che porta al professionismo. I corsi sono classica, contemporanea, hip hop, breakdance e pilates applicato alla danza. Aperti sia alle femminucce, che sono la netta maggioranza, sia ai maschietti>>.

Che le femminucce amino la danza è cosa nota. Cosa può dire invece dei maschietti?

<<Da piccoli si nota un po’ di riluttanza anche da parte dei genitori verso la classica e la contemporanea, mentre mi è capitato di vederli avvicinare da soli a queste discipline intorno ai 14 anni. Ciò che li attira di più in tenera età è invece la breakdance>>.

Cos’è per lei la danza?

<<E’ prima di tutto uno stile di vita. Serve per crescere e maturare in una determinata maniera. È utile per sviluppare una grande determinazione a perseguire un obiettivo, che non deve essere per forza diventare una ballerina. Conferisce un grande senso del dovere, rispetto, spirito di sacrificio e di volontà. Per questo la reputo una disciplina molto educativa. Nonostante i sacrifici compiuti, infatti, restano valori che ci si ritrova poi nella vita. Ritengo importante avere una passione, che sia danza o altro, per dare anche un senso alle proprie giornate e sentirsi impegnati in un seppur piccolo progetto. I bambini così crescono prima, maturano prima, acquisendo da subito un certo senso di responsabilità>>.

Quanto in questa direzione ha influito anche il suo lavoro nella scuola?

<<Senza dubbio sono sempre stata a contatto con bambini e ragazzini e comprendo bene quanto stimolarli al meglio, entrando in sintonia con loro, possa tirarne fuori il meglio. Cerco di mettermi alla pari con ognuno di loro, ognuno con le proprie differenze caratteriali e con le proprie necessità, e mi fa piacere riscontrare la loro fiducia, facendomi sentire come una “regina” e prendendomi spesso come esempio con semplicità e naturalezza. E devo ringraziare i genitori che con fiducia ci affidano i propri figli, dimostrando una soddisfazione che mi riempie di orgoglio>>.

Progetti per il futuro?

<<Ciò che è già avviato è il discorso relativo a una compagnia emergente che porterà in scena un musical a livello nazionale. Abbiamo poi in programma l’apertura dei corsi di mattina, orientati soprattutto ai professionisti, e un campus scuola danza estivo per i ragazzini che desiderano continuare la loro passione anche durante questo periodo dell’anno>>.

Per informazioni sui Corsi:

Danza e Movimento

  • Indirizzo: Via Monsignor Gallo, 14 Avellino
  • Telefono 0825 780073
  • Corsi Attivi : Danza Classica, Danza Contemporanea, Ginnastica Artistica, Hip Pop, Brek Dance, Pilates
  • Pagina Facebook 

Spot

Spot

Spot